Il TEMPIO DELL’INCERTO

IL TEMPIO DELL’INCERTO
operazione artistica del Collettivo Superazione

LogoUniArchi-01ARCHI-TE’ incontri trasversaliLogoUniArchi-02
Biblioteca di Scienze Tecnologiche – Architettura – 
Università di Firenze – Sistema Bibliotecario di ateneo
Palazzo San Clemente – via Micheli 2 – Firenze

10/24 Novembre 2017 – dal Lunedì al Venerdì – orario 9:00/18:30

dna cruci

Uno spettro si aggira per una biblioteca. E’ lo spettro dell’essere digitale, naturale evoluzione dell’Homo Sapiens, e decide di installare un provvisorio Tempio dell’Incerto, fra le domande e le risposte nascoste nei libri e negli spazi dell’abitare umano.

Silenzio al plurale, rumori al singolare definiscono l’apparente nuova condizione umana. In mancanza di qualsiasi appoggio su cui mettere i piedi, viviamo in uno stato di incertezza totale. Da sempre. Questa è la nostra natura. Segnata nel nostro DNA dall’inizio della nostra evoluzione. E’ questo che ci distingue dalle altre specie viventi. Da una parte possiamo restare paralizzati dalle nostre paure e angosce, dall’altra, però, questo senso di incertezza può diventare la nostra unica speranza perché ci apre a innumerevoli spiragli di possibilità.
Little Boy e Fat Man non sono riusciti a uccidere Tsutomu Yamaguchi.
La storia, l’arte e la cultura finiranno con l’ultimo uomo?

Inaugurazione: 10 novembre 2017
ore 17:00
presentazione del Collettivo Superazione
ore 17:30
performance di S. Bruni e T. Verde “Non so chi”
NonSoChi-Cartolina
ore 18:00
accensione videodocumento “Risposte nascoste”
apertura del “Tempio dell’Incerto”

Informazioni: Biblioteca di Scienze Tecnologiche – Architettura tel. 055.275

PiediSuperazione

Annunci

Programma 3Days 2017

Volantino017-D

3DAYS PERFORMING ART – 7/8/9 luglio 2017

Nei pittoreschi locali della Fornace Pasquinucci, in Piazza Raffaello Dori a Capraia Fiorentina (Firenze), dal 7 al 9 luglio, il Collettivo SUPERAZIONE (Paola Bonaiuti, Katia Lari Faccenda, Barbara Fluvi, Silvia Mordini, Omer Murat Onol, Giacomo Verde) ha organizzato una tre giorni dedicata alla performance sul tema grafico I:I . Un rapporto tra simboli, due linee rette, tra i segni grafici più essenziali, per esprimere una metafora: una connessione tra due realtà, che può avere molteplici letture, caleidoscopiche.
Dopo una open call internazionale sono stati selezionati, tra le diverse proposte pervenute, cinque artisti: Ana Mrovlje, Enzo Correnti, Ina Ripari, Z Lumen, Giorgia Ghione. Altri artisti sono stati invece invitati per le loro diverse ed esemplari esperienze nel campo della performance: Bruno Sullo, Paolo Bottari e Mauro Andreani, Valentina Crasto e Pasquale Mirra, Francesca Zaccaria, Murat Onol e Luca De Silva, Claudio Parrini, Alerti. Mentre Marcel.lì Antunez Roca interverrà in videoconferenza da Barcellona per illustrare la propria attività in dialogo con Giacomo Verde sul rapporto tra corpo e tecnologia. Una serata particolare sarà dedicata al gruppo di artisti “storicizzati” che hanno operato nell’ambito fiorentino: superMemoria Firenze. Gianna Bennati, Lapo Binazzi, Alessandra Borsetti Venier, Luca De Silva, Andrea Granchi, Andrea Lemmi, Ubaldo Molesti, Massimo Mori e Lorenzo Poggi cercheranno di raccontare il clima e le azioni che hanno fatto la storia della performance fra gli anni ’60 e ’80 nel territorio fiorentino. La curatrice indipendente Francesca Pepi interverrà in apertura della 3Days con una conferenza sulla performance.

La lettura libera del segno che proponiamo si affaccia sulla volontà di ricercare quante più combinazioni possibili, mai sbagliate o giuste, ma coerenti con la visione del singolo, dell’individuo.Due lettere, due unità di misura, due individui, due tratti che possono mutare tra significante e significato: questa la ricerca che si apre a possibili ed infinite letture. Da Wittgenstein potremmo mutuare l’espressione “giochi linguistici”, trasformandola in “giochi simbolici”, perché: «Il denominare è simile all’attaccare a una cosa un cartellino con un nome. Si può dire che questa è una preparazione all’uso della parola. Ma a che cosa ci prepara?» (Da Ricerche Filosofiche)

Programma 3DAYS PERFORMING ART – 7/8/9 luglio 2017

7 luglio ore 19:00
Ana Mrovlje in Corso Garibaldi – Montelupo F.no
ore 21:00
Lorenzo Poggi / Francesca Pepi / Giacomo Verde / Marcel.lì Antunez Roca

8 luglio
ore 17:00
Ana Mrovlje / Bruno Sullo / Paolo Bottari e Mauro Andreani / Valentina Crasto e Pasquale Mirra / Murat Onol e Luca De Silva
ore 21:30 > SuperMemoria: Firenze
Gianna Bennati / Lapo Binazzi / Alessandra Borsetti Venier / Luca De Silva / Andrea Granchi / Andrea Lemmi / Ubaldo Molesti / Massimo Mori / Lorenzo Poggi

9 luglio ore 17:00
Claudio Parrini / Francesca Zaccaria / Giorgia Ghione / Z Lumen / Ina Ripari / Enzo Correnti / Alerti

Il programma della tre giorni sarà inaugurato venerdì 7 luglio, alle ore 19:00, con una toccante performance di Ana Mrovlje nel Corso Garibaldi di Montelupo Fiorentino. Alle ore 21:00 seguirà una breve conferenza della curatrice Francesca Pepi su “La performance e il fare arte”. Sarà quindi la volta di Giacomo Verde che, dopo una riflessione sull’uso delle tecnologie nella performance, introdurrà il collegamento Skype con Marcel.lì Antunez Roca che, da Barcellona, presenterà il suo lavoro e dopo la proiezione video di alcune sue performance sarà a disposizione del pubblico per approfondire gli argomenti affrontati con le sue creazioni, che fondono in maniera esemplare body art, teatro e tecnologia.

Sabato 8 luglio si potrà assistere, dalle ore 17:00, alle diverse azioni di Ana Mrovlje, Bruno Sullo, Paolo Bottari e Mauro Andreani, Valentina Crasto e Pasquale Mirra, Murat Onol e Luca De Silva. Si potranno così confrontare diverse poetiche e modi di interpretare l’arte performativa in un incontro tra diverse generazioni nei suggestivi spazi della Fornace Pasquinucci. Alle 21:00 ci sarà la serata “superMemoria: Firenze”. Gianna Bennati, Lapo Binazzi, Alessandra Borsetti Venier, Luca De Silva, Andrea Granchi, Andrea Lemmi, Ubaldo Molesti, Massimo Mori e Lorenzo Poggi cercheranno di raccontare il clima e le azioni che hanno fatto la storia della performance fra gli anni ’60 e ’80 nel territorio fiorentino. Coadiuvati dalle proiezioni video di fotografie e documenti dell’epoca. L’intento è quello di raccogliere testimonianze originali di un periodo particolarmente vivace e ricco di riflessioni attraverso una modalità conviviale e fuori dalle convezioni specialistiche. Una superMemoria che l’anno prossimo farà il focus su Livorno.

A chiusura dell’evento, domenica 9 luglio, dalle ore 17:00, gli spazi della Fornace Pasquinucci saranno animati dalle azioni di Claudio Parrini, Francesca Zaccaria, Giorgia Ghione, Z Lumen, Ina Ripari, Enzo Correnti e Alerti. Che mostreranno le loro suggestive personali interpretazioni del tema suggerito in questa 3Days 2017 e che vanno dall’ironico al minimale, dall’intimistico al coreografico, dal riflessivo all’interattivo.

3Days-2017-c

Grazie – Thanks

Carissimi “superazionisti” in /re.si.lien.za

grazie di cuore di aver partecipato alla tre giorni di arti performative e dell’entusiasmo con il quale l’avete animata, senza di voi niente di tutto questo sarebbe stato possibile.

Siete stati grandissimi e avete conquistato anche il diffidentissimo pubblico della Fornace e, credeteci, non era proprio scontato.

Il Collettivo Superazione va avanti anche da latitudini diverse. Sicuramente nel futuro ci saranno altri eventi e ci auguriamo di poter collaborare di nuovo con voi.

 

Grazie ancora

Collettivo Superazione
Foto del 24 giugno

Questo slideshow richiede JavaScript.

Foto del 25 giugno

Questo slideshow richiede JavaScript.

 Foto del 26 giugno

Questo slideshow richiede JavaScript.