Call 3Days: deadline extended to June 8

volantino 3days 2018-exstended

Open Call
Performing Art 3Days
deadline extended to June 8
ore 24.00 / 8 giugno 2018

Scarica IT-OpenCall 3days 2018 
Download EN-OpenCall 3days 2018
Annunci

Open Call Performing Art 3Days 2017

Open Call

Scarica IT-OpenCall-3DAYS-2017

Download EN-OpenCall-3DAYS-2017

3Days-2017-c
deadline ore 24.00 / 28 maggio 2017
Collettivo Superazione – Gruppo Culturale Fornace Pasquinucci
Fornace Pasquinucci / Capraia Fiorentina (FI)

Dall’analisi libera del segno I:I chiediamo una risposta in forma di performance, in attinenza col regolamento allegato, che dovrà essere realizzata all’interno di un festival di arti performative di tre giorni (7, 8 e 9 luglio 2017) presso la Fornace Pasquinucci di Capraia Fiorentina (FI).

IdivI
Un rapporto tra simboli, due linee rette, tra i segni grafici più essenziali, per esprimere una metafora: una connessione tra due realtà, che può avere molteplici letture, caleidoscopiche.

La lettura libera dei due simboli si affaccia sulla volontà di ricercare quante più combinazioni possibili, mai sbagliate o giuste, ma coerenti con la visione del singolo, dell’individuo.

Due lettere, due unità di misura, due individui, due tratti che possono mutare tra significante e significato: questa la ricerca che si apre a possibili ed infinite letture.

Da Wittgenstein potremmo mutuare l’espressione giochi linguistici, trasformandola in giochi simbolici, perché: «IL DENOMINARE È SIMILE ALL’ATTACCARE A UNA COSA UN CARTELLINO CON UN NOME. SI PUÒ DIRE CHE QUESTA È UNA PREPARAZIONE ALL’USO DELLA PAROLA. MA A CHE COSA CI PREPARA?»

(Da: Ricerche Filosofiche)

TestaSuperazione1240-Art3days2017-c

Scarica IT-OpenCall-3DAYS-2017

Download EN-OpenCall-3DAYS-2017

Open Call Performing Art3Days (it-en)

Open Call Performing Art3Days
/re.si.lien.za/

PROROGATA  DEADLINE  ore 24.00 / 24 maggio 2016

Collettivo Superazione – Gruppo Culturale Fornace Pasquinucci
Fornace Pasquinucci / Capraia Fiorentina (FI)

ENGLISH TRANSLATION BELOW

Dall’analisi libera della tematica /re.si.lien.za/ chiediamo una risposta in forma di performance, in attinenza con la OPEN CALL, che dovrà essere realizzata all’interno di un festival di arti performative di tre giorni presso la Fornace Pasquinucci di Capraia Fiorentina (FI).

SCARICA OPEN CALL E ENTRY FORM

/re.si.lien.za/

(ecologia) «La velocità con cui una comunità (o un sistema ecologico) ritorna al suo stato iniziale, dopo essere stata sottoposta a una perturbazione che l’ha allontanata da quello stato; le alterazioni possono essere causate sia da eventi naturali, sia da attività antropiche. Solitamente, la r. è direttamente proporzionale alla variabilità delle condizioni ambientali e alla frequenza di eventi catastrofici a cui si sono adattati una specie o un insieme di specie.» [cit. Dizionario Treccani.it]

Una riflessione che dalla sfera dell’ecologia transita fino a quella dell’etologia umana, indagando il comportamento in relazione all’ambiente sociale e lavorativo in cui l’individuo vive ed opera.

Nello specifico, come la Terra anche il mondo dell’arte è in continua mutazione, ed in un clima generale di crisi, che fa da cornice al presente, è lecito chiedersi se le leggi che hanno regolato il mercato, legando a doppio nodo domanda ed offerta, risultino ancora sostenibili? È auspicabile parlare di resilienza rispetto a tale condizione o è preferibile mutare l’habitat in cui operiamo?

«Da dove veniamo? Che siamo? Dove andiamo?» Per quanto ancora?

CONTATTI E INFO: collettivo.superazione@gmail.com


ENGLISH TRANSLATION 

 EXTENSION OF DEADLINE
23:59/ May 24th 2016

Starting from a free analysis of the concept of /re.si.lien.ce/, the artists are asked to develop that topic in the form of a performance, in accordance with the OPEN CALL. The performance shall be played live during the 3 days Performing Arts Festival which will take place at Fornace Pasquinucci in Montelupo F.no (Florence).

DOWNLOAD OPEN CALL + ENTRY FORM

/re.si.lien.ce/
(ecology) «The speed at which a community (or an ecosystem) returns to its original state after being subjected to a disturbance that tore it away from that state; the changes can be caused both by natural events and human activity. Resilience is usually directly proportional to the variability of environmental conditions and the frequency of catastrophic events that forced a species or a group of species to adapt.» [translated from Dizionario Treccani.it]

A reflection that ranges from ecology to human ethology, while exploring the human behaviour according to the social and working environment in which the individuals live and act.

In particular, just as Earth, the world of art is also constantly evolving and given the current background of crisis, is it questionable whether the laws that have been regulating the market and tying indissolubly supply and demand are still sustainable? Is it desirable to invoke resilience in this contest or should we rather change the habitat in which we act?

«Where do we come from? Who are we? Where are we going?» How much longer?

INFO: collettivo.superazione@gmail.com