RES NULLIUS – Seconda fase
Residenza al confine
Un progetto del Collettivo Superazione

Il Collettivo Superazione lancia la seconda fase del progetto di residenza artistica Res Nullius per favorire, questa volta, l’incontro fra pubblico e artisti all’interno di situazioni abitative particolari.

RES NULLIUS second phase 2019 EN.pdf

RES NULLIUS seconda fase 2019_IT.pdf

In un’era in cui anche l’abitazione è diventata precaria, la vera intimità, la nostra unica vera casa, siamo sempre noi stessi, i nostri corpi, le nostre esperienze, il nostro vissuto e il progetto ambisce proprio a mettere in contatto con l’ambiente le intimità di artisti e pubblico, che da private (e precarie) diventano appunto “res nullius”, cosa di nessuno, per realizzare un’azione artistica in uno spazio ai margini della società.

Quest’anno gli artisti verranno ospitati all’interno di un centro di accoglienza migranti e di una casa occupata e dovranno interagire con i loro ospiti e l’ambiente in cui si trovano a operare. Il loro soggiorno dovrà finire con una performance. Lo scopo del progetto è quello di indagare il rapporto fra abitanti delle case, ambiente, pubblico e artisti attraverso una serie progressiva di azioni che questi ultimi compiranno nell’arco del loro soggiorno. Artisti e abitanti dovranno cercare di creare un dialogo volto alla realizzazione della performance finale.

Ban-res nullius-19-02 open call01

Il primo appuntamento di questa edizione avrà luogo all’interno di un Centro di Accoglienza Straordinaria di Borgo a Mozzano (LU), nel fine settimana 12-13-14 aprile 2019. Trattandosi di un centro che ospita solo migranti uomini e una famiglia, cerchiamo per queste date un performer maschio. Le domande di partecipazione devono essere inviate entro le 23:59 del 24 marzo 2019. Il Collettivo Superazione invierà la risposta entro il 31 marzo 2019. Per questo evento, la performance finale non potrà essere aperta a un pubblico esterno, ma sarà riservata ai soli ospiti del centro, agli operatori della cooperativa che lo gestisce e ai membri del Collettivo Superazione.

Il secondo appuntamento si svolgerà invece nel fine settimana del 10-11-12 maggio in una casa occupata di Viareggio (LU). In questo caso, la famiglia ospitante ha espressamente richiesto una performer donna. Le domande di partecipazione devono essere inviate entro le 23:59 del 21 aprile 2019. Il Collettivo Superazione invierà la risposta entro il 28 aprile 2019. Questo evento potrà invece essere aperto a un pubblico esterno, a discrezione degli abitanti della casa e dell’artista.

Per partecipare al bando, gli artisti dovranno scrivere all’indirizzo collettivo.superazione@gmail.com nelle date suddette e inviare la documentazione relativa al loro lavoro (inclusi eventuali siti o link delle loro performance) e un breve testo che spieghi la motivazione che li ha spinti a candidarsi.

Ban-res nullius-19-02 open call04

L’arrivo dell’artista nella casa che lo ospiterà è previsto per il venerdì (preferibilmente prima di cena) del fine settimana concordato e il suo soggiorno durerà fino al lunedì mattina. La performance finale è prevista per la domenica pomeriggio.

L’artista è invitato fin da subito a prendere confidenza con lo spazio e i suoi abitanti e a lasciare una traccia al giorno – una foto, un minuto di video, un brevissimo scritto, una poesia ecc. – che sintetizzi l’esperienza di quella giornata. La performance dell’artista può essere sia ideata durante il soggiorno, partendo dall’esperienza che sta vivendo, sia preparata prima. In questo caso dovrà comunque essere adattata all’ambiente e discussa con gli abitanti. La performance finale verrà in ogni caso trasmessa in streaming a cura del Collettivo Superazione e dovrà svolgersi nel pieno rispetto dell’idea e della poetica dell’artista e della privacy degli abitanti.

Gli abitanti saranno ovviamente liberi di svolgere le loro attività abituali (ad esempio il lavoro), ma dovranno cercare di interagire il più possibile con i loro ospiti. Saranno tenuti ad accogliere l’artista il venerdì sera, a concedere vitto e alloggio per tutta la durata del soggiorno e, per il buon esito del progetto, sono invitati a discutere con l’artista la realizzazione dell’evento finale.

Il Collettivo Superazione si impegna ad accogliere l’artista e ad accompagnarlo allo spazio designato, a ricevere il contributo giornaliero richiesto all’artista (foto, video ecc.) e a diffonderlo sul proprio sito nella sezione dedicata all’evento. Si impegna inoltre a essere presente durante l’esecuzione della performance finale e a garantirne la trasmissione in streaming. In caso di necessità, il Collettivo Superazione si impegna anche a fungere da mediatore fra artisti e occupanti degli spazi.

Non è previsto nessun tipo di rimborso per il viaggio e i materiali necessari alla realizzazione della performance.

Per motivi di privacy, queste sono le uniche informazioni che possiamo diffondere. I candidati che vorranno avere più dettagli possono scriverci all’indirizzo indicato e noi cercheremo, in privato, di rispondere alle loro domande.

res nullius-19-02 open call01

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...